Delfo e il selfie con Tacopina.

Usa_flag-2

Per le strade di Bologna, in un pomeriggio di ottobre come tanti altri, Delfo il vecchio ristoratore scorge un volto seduto a un tavolino di un bar di piazza Maggiore. Lo riconosce al volo. È l’uomo del momento in città. Sembra un divo di Hoolywood. Bello, elegante, robusto, sorridente, è lui. È Joe Tacopina. Delfo non riesce a resistere alla tentazione.

Mister Tacopina! It tè? Hello? How are you, my President? Pòssia tur ‘na scrana? Mi metto a sedere solo un attimo, I don’t want disturb tropp. Ma it’s a great emotion for me. Forgive my inglais, ma mè a scorr in bulgniais da quand i m’han mess al mand e l’americhen a’l so solo a furia di ascoltare i miei clienti. Nel ’45, quando voi altri siete arrivati a Bologna coi carri, I was still in the balls of my father. Ma i racconti di quel 21 aprile ce li ho ancora stampati qui, in my memory. Il clima di festa, le bandiere, le donne, le cicles, i blue jeans, il profumo di libertà. L’è propri al parfomm che respiro adesso. Mi sento addosso un senso di liberazione che mi vien voglia di abbracciarla forte. È una cosa che non le so spiegare. I can’t spieg to you. Sì, perché noi altri a Bologna siamo brava gente, very good people nueter bulgnais, è solo che ultimamente siamo andati un pò in cagona. How can I translate Cagona? Be va bè, nuéter avàn avò some difficult, ma mica solo come tifosi, anche come cittadini. Lei adesso vede la città sporca, i muri scritti, delle merde per terra che sembran delle pozzanghere, but we have a great story, university, music, books, art, magner e bovver, everything, but specialmant we have a great heart, tott quant. A noi ci basta che qualcuno ci dia qualcosa che ci affezioniamo, ricambiamo a modo nostro, che è un gran bel modo. E lei non sa Signor Tacopina quanto bisogno d’affetto abbiamo adesso, perché è un bel pezzo che nessuno ci dà niente, it’s a beautiful piece that nobody give us un caz. Lei ha girato molto la città in ‘sti days, avrà visto quanto è bella, a very beautiful city daban. Spero che si sia reso conto di che opportunità ha ora, anzi, avete, you and your friends. A proposito di your friends, sono tutti bravi ragazzi, vero? Cioè bravi ragazzi sul serio, I mean, brisa in cal sens. Perché girano già strane voci, stranges voices. Ma poi, to tell the true, chissenefrega. E non è mica questione che siete stranieri, anzi, ci fa piacere, ci siamo abituati, dapartott here strangers, in giro, per le strade, nei ristoranti che vendan degli accendini a forma di cesso, at the semafers. Qui in piazza se dici socmel rischi che qualcuno ti guardi male. E comunque pensi mò com’è strano il mondo, cum lé strange the world, dear Joe. Tre anni fa pur di avere Zanetti Presidente i Bolognesi sarebbero andati a San Luca in ginocchio e se dicevi Tacopina i feven i scongiur, inciòn wanted half from you, nessuno ne voleva mezza, ti davano del cioccapiatti, they gave you dal brokendishes. Ma Bologna è bella anche per questo, perché la gente cambia idea and just the stupids don’t change idea. Anche Ermes al mì camarir ha cambiato idea su di lei. Oh, al dis c’la sintò che al barbiere di un suo amico l’ha dett that un suo cliente knows uno cal knows un avvuchè cal knows Saputo c’ha gli ha dett c’al vol cumprer Messi. Brisa Improta, Messi! L’è vaira? No parche’ s’le vaira nueter a fan un monumento a vueter! Lo vedi quel Gigante là? It calls Nettuno. Te, perché ormai ti do del tu, I give you of you, gli assomigli anche un pò. Anche di fisico. Ci staresti benissimo lì di fianco a lui a fare l’accoppiata tipo Bronzi di Riace. Beh, scherzi a parte, jokes a part, noi non ci aspettiamo mica i miracoli da voi. Quelli li han già fatti 50 anni fa, when we play just like in Paradise, mè I was, and I don’t want to illuse brisa my self. Noi ci aspettiamo tutto quello che c’è mancato ultimamente: serietà, seriety, dignity, not get in tal cul as in the last years. We want smile. We want enjoy. We want to stay where we have to stay, cal vòl dir serie A. Ma piò ed tott we want dollars, baiuch, we want pilla to stay tranquill, et capè? Well, I san sure. So smile now, dear Joe, that we make a photo togheter, un bell’autoscatto. Selfie i disen incù i zuven. Ne hai fatti ultimamente dei selfie, eh Joe? Hai fatto più foto te in questi venti giorni a Bologna che Gianni Morandi in 70 anni. Dai, che poi me l’attacco in trattoria! Oh, adéss I have to go, che devo andare a spegnere il ragù. Thank you Joe, thank you for incòssa. It was a honour for me. And now niente scherzi. Noi ci fidiamo. We trust in tè. At salut Joe, e a m’arcmand, pochi pugnatt, ca mè at voi already bàn.

http://www.tuttobolognaweb.it/copertina/delfo-e-il-selfie-con-tacopina-18322

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *